Lorenzo Cassulo

Innovazione e imprenditorialità in Trentino

By

Le aziende piccole innovano, le aziende grandi innovano comprando le piccole.

Si dice spesso che l’innovazione è nelle piccole aziende, nelle startup, e non nelle grandi: questo è vero in alcuni contesti. Uno dei modi che le grandi aziende infatti hanno per innovare, sopratutto quelle quotate in borsa che hanno poco spazio di investimento in R&D in termini di bilancio, e a fine anno hanno gli azionisti che vogliono i dividendi, è quello di acquistare innovazione “già pronta” per il mercato da piccole startup.

Dal momento in cui una azienda diventa pubblica e viene quotata sul mercato azionario la priorità si sposta dallo sviluppo del prodotto ai risultati commerciali, sopratutto prima e dopo l’ingresso in borsa questo è un elemento che assume molta importanza: prima serve per determinare il valore delle azioni, dopo serve per far contenti gli investitori.

In questa fase di sviluppo della presenza sul mercato, nei bilanci aziendali, grandi budget in R&D non fanno una bella figura, la cosa migliore per queste aziende è, invece che allocare del budget a rischio in ricerca, preferiscono comprare aziende con prodotti innovativi che già sono stati validati o dalla tecnologia (cioè funzionano) oppure dal mercato (cioè vendono). Le grandie aziende in quella fase hanno liquidità, dovuta prima agli ultimi round di investimenti e dopo ai capitali pubblici raccolti, e possono permettersi appunto delle acquisizioni.

Le startup, non hanno gli azionisti con il fiato sul collo e possono permettersi di passare qualche tempo senza essere profittevoli (sopratutto se hanno ricevuto un investimento privato). Questa dinamica deriva dalla natura dei capitali in gioco, nelle startup l’investitore è un venture capital, investe del capitale ad alto rischio ma a alta redditività, nelle grandi aziende invece l’investitore è un investitore pubblico, che ha comprato le azioni sul libero mercato, vuole un investimento anche poco redditizio ma sicuro.

Quindi come fanno queste grandi aziende ad innovare? Semplice, comprando quelle piccole che l’hanno fatto e l’hanno fatto con successo. Le grandi aziende acquisiscono le piccole per svariati motivi (acquisire utenti, entrare in un determinato mercato, assumere i dipendenti, etc etc) ma in ogni caso l’acquisizione è sempre un investimento in innovazione già matura, il rischio di fallimento è minore e gli azionisti sono più tranquilli del loro investimento.

Rispondi

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: